Lista 47 di Anna – A che punto è il rap femminile in Italia?

Negli ultimi giorni, la critica musicale sta parlando molto in negativo della staticità del rap americano e di come invece l’innovazione europea, al contrario, stia avendo un ottimo riscontro. Obiettivamente, è vero che si sta verificando un cambiamento, ma non bisogna dimenticarsi quanto la scena USA abbia fatto per questo genere. Inoltre è forse l’unico paese in cui c’è una scena solida di ragazze protagoniste della musica urban.

In Italia siamo indietro a tutti gli effetti. Non ci sono tantissime rapper e inoltre la maggior parte di loro finiscono, a un certo punto della loro carriera, per piegarsi al mercato ed abbandonare le rime e il flow per far spazio a ritornelli di due minuti e sonorità pop.

Anna non ha assolutamente intrapreso un percorso simile. Può piacere oppure no e si può discutere sulla sua tecnica e soprattutto sui suoi testi ma non si può negare la sua attitudine. Lista 47 non è un EP d’esordio da incubo tutto sommato, come alcuni potrebbero pensare.

La canzone con Rondodasosa dà un tono di freschezza generale al progetto portando una musicalità raramente sentita nel nostro paese. Purtroppo però Il disco non si mantiene su questi livelli nei brani precedenti e successivi. L’intro cerca di essere conscious e più o meno ci riesce senza però veri picchi lirici. Il resto è una compilation di brani da club non eccelsi.

La sensazione, comunque, dopo i primi anni di carriera è che non abbiamo a che fare con un talento speciale. Non scordiamoci che è venuta alla ribalta con Bando, un incomprensibile successo mediatico come ha ammesso l’autrice stessa. Nel tempo si è assolutamente migliorata ed ha anche realizzato singoli interessanti come Fast, Drippin in Milano e anche la stessa Babe in collaborazione col membro della Seven 7oo.

Il giudizio, dunque, non può che non essere rimandato considerando la giovane età e la quantità dei suoi pezzi in carriera. La speranza è che insieme ad Anna si formi una scena più ampia di rapper donne e si possa creare una competizione maggiore che spinga le varie artiste a migliorarsi sempre di più e ad avere nuovi stimoli.

2 pensieri riguardo “Lista 47 di Anna – A che punto è il rap femminile in Italia?

  1. Credo che ci sarà una scena più consistente di rapper donne solo quando le donne vivranno un forte senso di appartenenza alla cultura hip hop. Per ora i protagonisti sono gli uomini

    "Mi piace"

    1. Purtroppo tradizionalmente in Italia l’hip hop non è apprezzatissimo dal genere femminile. Però chissà, magari un giorno le cose cambieranno

      "Mi piace"

Rispondi a Anonimo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close