I talenti del rap italiano che si sono persi nel tempo – Che fine hanno fatto oggi?

La musica è sempre in evoluzione, tralasciando brevi periodi bui ci sono sempre stati artisti e generi musicali che hanno innovato il panorama. Negli ultimi anni abbiamo vissuto 3 momenti cruciali da analizzare: l’ascesa del rap nel mainstream, l’esplosione clamorosa della trap italiana e negli ultimi anni le varie contaminazioni e intrecci con l’R&B e il pop. Inoltre non bisogna dimenticarsi della drill, sottogenere che negli ultimi anni ha preso sempre più piede grazie alla scena di San Siro. Oggi discuteremo di un’artista per ognuna di queste wave cercando di capire cosa non ha funzionato o cosa non sta funzionando nel suo percorso.

MARUEGO

Possiamo definire Maruego come un precursore della trap: è stato effettivamente il primo rapper ad emergere con queste sonorità e gestendo l’autotune in una maniera molto innovativa. Collezionò featuring di primissimo livello nel suo album come Fabri Fibra, Jake la Furia e Guè Pequeno ed è anche riuscito ad rappare in pietre miliari della musica Urban come Terza Stagione e Vero. Il motivo del fallimento repentino si può individuare nei comportamenti dell’autore di Terra Bruciata e nel rapporto conflittuale con la major. Ora Maruego ha un’etichetta indipendente ed è in lenta ripresa, ma lasciando per un momento da parte i numeri, si può affermare fermamente che ha alzato il suo livello qualitativo.

LAIOUNG

Laioung è uno di quei artisti esplosi cavalcando l’onda della Trap del 2016 dimostrando un’attitudine grintosa che convince e non poco il pubblico. Le liriche non sono mai state il suo forte ma ogni tanto aveva degli sprazzi di genio che ancora adesso si fanno vedere. La linea melodica del ritornello di Giovane Giovane è arte allo stato puro e non la si può dimenticare nel tempo. Inoltre, a differenza dei suoi colleghi, è un producer discreto e tutto ciò può solo che incrementare il suo valore. I suoi errori più grandi sono stati provocati da quello che è forse il suo pregio maggiore: L’IMPULSIVITÀ. Non ha mai avuto la situazione sotto controllo, lo si può vedere nel suo Real Talk in cui si presenta totalmente impreparato o nel freestyle dove ripete solo “nero su nero”. In questi casi la sua scelleratezza è stata premiata dal riscontro virale delle performance ma non sempre è stato così. Ha mandato avanti una crew poco talentuosa e irriconoscente, togliendo tempo prezioso a se stesso, per poi sfasciarla. È stato al centro del gossip effimero e non ha fatto nulla per evitarlo…. Insomma il leone del rap italiano non è più quello di un tempo per il pubblico. L’augurio più grande che gli si possa fare è di continuare ad impegnarsi perché si vede che in questo momento è tornato a essere sereno come un tempo.

VALE PAIN

Quì non si può parlare di fallimento, ma di ridimensionamento della carriera sicuramente. Mentre per la trap ci sono vari brani iconici che sono esplosi all’inizio ed è difficile identificare quello della svolta, nella drill italiana Louboutin è senza ombra di dubbio il più rappresentativo. L’idea che l’ascoltatore si era fatto era che Rondo e Vale Pain si sarebbero diviso il trono per anni facendo mangiare la polvere agli emergenti di San Siro, purtroppo non è stato così. Il suo nome circola sempre meno fra le bocche dei ragazzi, pur non essendoci un vero e proprio sostituto dell’artista in questo momento. L’intoppo che sta avendo il suo percorso è dettato dalla SOVRABBONDANZA di rapper simili a lui e dalla fatica che si fa a distinguere l’uno dall’altro.

E voi cosa ne pensate a riguardo? Vi viene in mente qualche altro artista che sta avendo difficoltà discografica? Fatecelo sapere con un commento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close